Editoria: presentato a Roma “Felici di seguirti” di S. Lorenzini e S. Guarnieri

giornalistaE’ stato presentato ieri pomeriggio alle ore 15.00 presso la Camera dei deputati a Roma, il libro ” Felici di seguirti” di Stefania Lorenzini e Sterfano Guarnieri, una storia di ordinaria inciviltà che tratta un tema molto doloroso, il racconto lucido e dettagliato dell’incidente  di cui rimase vittima Lorenzo Guarnieri, un giovane di 17 anni, investito ed ucciso a Firenze da un uomo che guidava sotto l’effetto di alcool e droga. Un libro scritto a quattro mani dai genitori di Lorenzo con l’unico scopo di far riflettere l’opinione pubblica sul delicato tema degli incidenti stradali.
Bisogna smetterla di chiamarli incidenti, si tratta, secondo noi, di veri e propri omicidi stradali – commenta Erina Panepucci Vice presidente dell’associazione AVISL tra gli oranizzzatori dell’evento insieme all’associazione Valore Donna,  e mamma di Giuseppe Magnifico giovane vittima della strada – tanto che riprenderà la nostra battaglia (interrotta alla fine della scorsa legislatura) per l’inasprimento delle pene in materia di reati stradali. E’ stata preparata una proposta di legge in collaborazione tra le associazioni Lorenzo Guarnieri, Gabriele Borgogni, Asaps, Comune di Firenze e Polizia Municipale di Firenze, con il sostegno di molte altre associazioni di familiari di vittime della strada tra le quali l’Avisl, che prevede modifiche importanti – aggiunge ancora la signora Panepucci – nella proposta di legge si prevede il cambiamento del nome del reato che non sarà più “omicidio colposo” ma diventerà “omicidio stradale”. La pena passerà dagli attuali 3-10 anni ad 8-18 anni e sarà previsto l’arresto in flagranza di reato. Queste solo alcune delle delle modifiche che sono state pensate, e che nelle prossime settimane verranno presentate al nuovo esecutivo di Governo.
Sono intervenuti dall’Aquila i familiari di Giuseppe Magnifico, il giovane aquilano ucciso il 2 ottobre del 2005 in un terribile sinistro stradale nei pressi della frazione di Sassa Scalo ed i famigliari della signora Anna Ferretti uccisa nel dicembre 2012 mentre percorreva a piedi un tratto della s.s. 80. Altre famiglie sono arrivate da ogni parte d’ Italia – racconta Erina Panepucci – per testimoniare il loro dolore e le loro storie di famiglie distrutte da criminali stradali, che troppo spesso restano impuniti. Unici assenti ingiustificati i numerosi politici invitati a partecipare, che nel disertare questo confronto hanno mostrato scarsissima sensibilità ed attenzione all’argomento.
Ringrazio davvero tutti – aggiunge – Erina Panepucci – in particolar modo l’ On. Luca Squeri del Pdl, tra i pochissimi parlamentari presenti, e la Dott.ssa Barbara Benedettelli responsabile del dipartimento tutela vittime della violenza di Fratelli d’Italia, per la sensibilità mostrata, e per il loro rinnovato impegno a sostenerci in questa battaglia di civiltà.
L’evento verrà replicato all’Aquila il 22 giugno 2013 alle ore 16.00 presso il Palazzetto dei Nobili, all’interno della manifestazione sportiva “Un calcio per la Vita” 3° Memorial giuseppe Magnifico.

Commenti

WordPress Themes