Calcio: Oddo e Gattuso, due mondiali, due scommesse

- Massimo Oddo.

– Massimo Oddo.

MILANO – La Serie A, e il calcio in generale, offrono sempre opportunità per rifarsi, soprattutto se l’età aiuta e il tempo a disposizione abbonda. È il caso di due campioni del mondo con l’Italia nel 2006, ossia Massimo Oddo e Gennaro Gattuso, adesso allenatori dopo aver realizzato due carriere importanti da calciatori, soprattutto nel caso del secondo, colonna portante di un Milan con il quale ha conquistato due Champions League giocando al fianco di Andrea Pirlo a centrocampo. I due tecnici che ancora non hanno fatto il definitivo salto di qualità sono gli ultimi ad essere approdati quest’anno in Serie A, in seguito agli esoneri di Luigi Del Neri all’Udinese e di Vincenzo Montella al Milan. Le due scelte, per quanto diverse intrinsecamente, sono comunque due scommesse particolari da parte delle due società.

Mentre il campionato va avanti e in cima l’Inter e la Juventus spiccano come le favorite al titolo secondo il quadro delle scommesse bet365 con il Napoli a fare da guastafeste, ecco che dietro si certifica la crisi di risultati del Milan, protagonista di un mercato estivo da urlo, almeno sulla carta, e l’Udinese deambula nella parte destra della classifica, pericolosamente vicina alla zona retrocessione, dalla quale dista 7 punti, non pochi ma neanche moltissimi. Sebbene il compito di Oddo sia apparentemente più complicato, l’allenatore abruzzese ha invece molto meno da perdere rispetto a Gattuso, che invece si è trovato all’improvviso da allenare la Primavera del Milan a tenere in mano la prima squadra. Oddo, infatti, per questa stagione dovrà limitarsi a dare un po’ di gioco alla sua squadra e a tenerla lontana dalla zona calda, mentre invece Gattuso dovrà provare almeno a ridare al Milan una qualificazione all’Europa League dopo un inizio di stagione davvero insoddisfacente e deludente. L’ex terzino, che l’anno scorso era stato esonerato dal Pescara dopo dei mesi senza vittorie in A, nonostante l’avesse riportato lui nella serie maggiore, ha dato comunque una scossa all’ambiente friulano, raccogliendo due vittorie nelle prime tre partite sulla panchina bianconera, perdendo soltanto col minimo scarto contro il Napoli e per colpa di un rigore.

Dal canto suo Gattuso ha invece iniziato la sua avventura con il Milan con una rocambolesca partita in quel di Benevento. La squadra campana, che fino a quel momento non aveva ottenuto neanche un punto, si è resa protagonista di un’impresa senza precedenti nella sua storia, pareggiando all’ultimo minuto con un gol del proprio portiere Brignoli e riuscendo così a conquistare il primo punto in A della sua storia nel modo più romantico e inaspettato possibile. Dopo questo duro colpo da assimilare il tecnico calabrese ha provato a smuovere i suoi e la vittoria contro il Bologna per 2 a 1 con doppietta di Bonaventura è servita a dare morale a un ambiente smesso e a terra psicologicamente.

I due campioni del mondo dovranno dare il loro meglio per dimostrare a tutti che, alla fine della fiera, i loro ingaggi saranno stati una scommessa vincente, in tutti i sensi.

WordPress Themes