Il rapporto con la tecnologia degli abruzzesi: 5 curiosità che non conosci

tastieraL’AQUILA – Negli ultimi anni in Abruzzo un numero elevato di aziende ha avuto diversi problemi, dovuti soprattutto al terremoto, ma non solo. In uno scenario di difficoltà economica la diffusione della tecnologia cin questa regione ha avuto un andamento particolare, che può essere descritto come una situazione unica nel suo genere.

Digital divide

L’Abruzzo ben rappresenta il problema del digital divide nel nostro paese. Si tratta infatti di una regione particolarmente montuosa; pur essendo vicina a realtà raggiunte da anni dalla banda larga e dalle connessioni a fibra ottica, purtroppo in Abruzzo rimangono delle sacche di popolazione a cui è precluso l’utilizzo di internet. Il terremoto e la conseguente crisi economica ha sicuramente contribuito a questo problema, con un numero sempre crescente di nuove aziende che si dedicano ad attività a basso indice tecnologico.

Le attività della Regione

Nonostante queste problematiche la Regione Abruzzo è una tra le prime in Italia ad aver sviluppato un ampio piano di e-learning, utilizzando però la rete del digitale terrestre. Essendo infatti impossibile raggiungere ogni cittadino tramite la rete internet, la Regione ha instaurato da alcuni anni dei corsi, dedicati a vari argomenti, che possono essere seguiti direttamente attraverso alcuni canali del digitale terrestre.

L’informazione online

L’abruzzese medio ha difficoltà a connettersi alla rete; la sempre maggiore diffusione degli smartphone con connessione alla rete 3G o 4G permette agli abruzzesi di leggere quotidianamente giornali e riviste online. In particolare in questa Regione circa un abitante ogni 5 legge il giornale tramite internet abitualmente, con un tasso decisamente più elevato rispetto alle regioni vicine.

Il problema della ludopatia

Anche se in Abruzzo la tecnologia non è un tema particolarmente interessante, soprattutto a livello industriale, e la rete non permette la connessione a tutti i cittadini, si tratta di una delle regioni in cui c’è il maggior numero di giocatori patologici pro-capite in Italia. Questo soprattutto grazie ad alcuni siti internet, visto che buona parte di chi scommette lo fa attraverso la rete. Il primato dell’Abruzzo viene infatti attraverso l’utilizzo di alcuni siti. Per non cadere in questo problema è possibile sfruttare siti legali, come Voglia di Vincere – casinò legale.

La tecnologia e il gioco

Il gioco d’azzardo non riguarda solo la rete. In Abruzzo è infatti molto diffuso anche l’utilizzo delle classiche macchinette, come i video poker. Un utilizzo della tecnologia un po’ bizzarro, che però in Abruzzo ha raggiunto dimensioni preoccupanti. Si tratta infatti della Regione in cui è presente il maggior numero di esercizi che mettono a disposizione dei clienti le classiche macchinette per scommettere.

WordPress Themes