Si è spento l’assistente capo Giovanni Giangiuliani, il cordoglio dei colleghi

Giovanni Giangiuliani

Giovanni Giangiuliani

“Con immensa tristezza vogliamo ricordare la prematura scomparsa del caro collega Giovanni Giangiuliani il quale, sino all’ultimo giorno di servizio, ha voluto onorare la sua passione per la Polizia di Stato presso la 3° sezione della squadra Mobile”. Inizia così una nota dei colleghi dell’assistente capo Giovanni Giangiuliani, scomparso all’età di 49 anni.
“Ci preme rammentarne – si legge ancora – lo stile riservato e la passionale professionalità con la quale sono stati risolti brillanti operazioni di polizia su casi di stalking, violenza domestica, lesioni e reati contro la persona.
Possiamo affermare, con orgoglio, che tale dedizione è stato solo il frutto di una sensibilità fuori dal comune, di una immedesimazione nelle altrui difficoltà tali da averlo reso “poliziotto vivo nella collettività”, che ha servito con abnegazione sino alla fine dei suoi giorni.
La forza d’animo che lo ha sempre contraddistinto ha reso Giovanni una testimonianza viva per tutti i colleghi che con lui hanno lavorato e da cui hanno tratto un esempio di autentico altruismo ma soprattutto di cristiana aderenza ai valori più profondi”.
“La questura dell’Aquila e tutta la polizia di Stato – termina la nota – esprimono, all’unisono, una vicinanza ai familiari ai quali giungano le più vive condoglianze”.
Giovanni Giangiuliani lascia la moglie Miriam e i figli Simone, Marta, Roberto e Giovanni.

WordPress Themes