M5S Abruzzo tra polemiche e querele

movimento 5 stelle

Il Movimento Cinque stelle si spacca in Abruzzo. Alcuni “cittadini certificati” escono allo scoperto contro i vertici locali del Movimento di Beppe Grillo e, oltre a promuovere una polemica su presunti finanziamenti pubblici, annunciano denunce-querele. Paolo Leonetti, un “cittadino” abruzzese, si e’ rivolto ai carabinieri poiche’ ritiene di essere stato colpito nella sua onorabilita’ da “una serie di dichiarazioni lesive”, essendo stata diffusa, durante un’assemblea regionale del M5S che si e’ tenuta il 14 ottobre a Sulmona, una e-mail che l’onorevole Gianluca Vacca avrebbe inviato allo staff di Grillo per chiedere l’espulsione dal Movimento di alcuni attivisti accusati di avere comportamenti violenti e aggressivi, tra cui anche Leonetti.
Il Movimento Cinque stelle si spacca in Abruzzo. Alcuni “cittadini certificati” escono allo scoperto contro i vertici locali del Movimento di Beppe Grillo e, oltre a promuovere una polemica su presunti finanziamenti pubblici, annunciano denunce-querele. Paolo Leonetti, un “cittadino” abruzzese, si e’ rivolto ai carabinieri poiche’ ritiene di essere stato colpito nella sua onorabilita’ da “una serie di dichiarazioni lesive”, essendo stata diffusa, durante un’assemblea regionale del M5S che si e’ tenuta il 14 ottobre a Sulmona, una e-mail che l’onorevole Gianluca Vacca avrebbe inviato allo staff di Grillo per chiedere l’espulsione dal Movimento di alcuni attivisti accusati di avere comportamenti violenti e aggressivi, tra cui anche Leonetti.
“In merito alla conferenza stampa tenutasi stamane a Pescara da sedicenti attivisti del M5S si precisa che questi hanno parlato a titolo personale e non a nome delle centinaia di gruppi regionali del M5S che invece si riconoscono senza riserve nelle attivita’ svolte dai portavoce in Parlamento”. La replica e’ contenutra in una nota a firma ‘i parlamentari abruzzesi del M5S’, ‘il consigliere il carica a Spoltore Carlo Spatola Mayo’, ‘I Gruppi Abruzzesi del M5S’.

WordPress Themes