Pezzopane replica a Pagano

Stefania Pezzopane

Stefania Pezzopane

“Se Pagano ha perso l’aplomb istituzionale, che si conviene ad un Presidente del Consiglio regionale, evidentemente si è sentito punto sul vivo”. E’ la replica della Senatrice Stefania Pezzopane al presidente del Consiglio regionale Nazario Pagano che l’aveva definita sofferente di “affaticamento da urne”.
“Il suo intervento, isterico e grossolano – incalza Pezzopane – è l’espressione eloquente di chi teme di perdere la poltrona, a cui intende rimanere attaccato, oltre che di un maschilismo gretto.
Forse ha il sentore che il seggio in Consiglio regionale, dopo tanti anni, comincia a vacillare e cerca di rimanerci incollato quanto più può. Oltretutto, abituato com’è a rimanere nelle retrovie da almeno 15 anni, ora che ha dovuto forzare la mano a leggi e regolamenti, non ha il physique du rôle per reggere le critiche conseguenti alle sue azioni. Reagisce con l’insulto isterico”.
“Il Consiglio regionale, con il voto di ieri – spiega la Senatrice – ha violato l’art. 14 dello Statuto. Infatti in caso di rinvio, la Regione verrebbe consegnata ad una paralisi, visto che, come chiarisce il parere dell’Avvocatura dello Stato, dalla scadenza naturale del Consiglio regionale, a metà dicembre, fino alla proclamazione dei nuovi eletti, il Presidente della Giunta e il Consiglio regionale si dovrebbero limitare all’ordinaria amministrazione. Inoltre, per evitare il rischio di un giudizio di incostituzionalità sull’accorpamento tra elezioni regionali ed europee, l’Avvocatura dello Stato ritiene necessaria  una modifica della legge elettorale regionale, che implicherebbe per i consiglieri una deliberazione di proroga delle attività da marzo a maggio,  cosa che consentirebbe loro di avere sei mesi di stipendio in più e di rinviare di 6 mesi il taglio da 45 a 31 dei consiglieri regionali. Infine tutto ciò comporterebbe, a causa della mancata programmazione, una serie di danni incalcolabili per la comunità abruzzese, i territori e le imprese, che avrebbero bisogno di ben altro per il lavoro, il sociale, la ricostruzione, il sostegno ai comuni in difficoltà, oltre al mancato taglio dei costi della politica”.
“Quanto a me, non ho mai avuto paura delle elezioni e lo testimoniano i risultati, ogni volta che mi sono candidata.
Faccio politica per piacere e volere, sono una senatrice eletta in regolari elezioni, ci sono arrivata vincendo le primarie, le mie doti umane e politiche che lui non coglie, sono evidentemente apprezzate da migliaia di persone. E non sono affatto stanca o affaticata. Caso mai lo sarà Pagano, al quale consiglio di rilassarsi un po’ per contenere le sue intemperanze estive” termina Stefania Pezzopane.

WordPress Themes